• it
  • en
  • fr

La Giostra dell’Archidado affonda le proprie origini nel Medioevo e precisamente poco prima del Mille, ma è dal 1994 che i quintieri di Cortona si sfidano con le balestre, rievocando i festeggiamenti che ci furono per il matrimonio di Francesco Casali e Antonia Salimbeni.
Giunta ormai alla sua ventesima edizione, la Giostra dell’Archidado è un evento da non perdere, avvincente ed entusiasmante sia per i cortonesi, sia per i turisti che hanno la fortuna di trovarsi a Cortona durante la settimana medievale!
Offerta dei ceri a Santa Margherita
…”Erano particolarmente solennizzate le feste di San Marco e di Santa Margherita. Pochi giorni prima che ricorressero, il Consiglio dei Cento deliberava sul modo di celebrarle. Tre bonomini eletti dal Vicario fissavano il peso della cera, dovuta presentare dalle arti e dalle ville: ogni masserizia rurale pagava 6 denari per l’oblazione a San Marco e a 4 per Santa Margherita. Queste offerte obbligatorie erano ricevute e sorvegliate da altri tre bonomini; multati in 20 soldi, come oblatori, se la cera presentata ed accettata era deficiente sul peso stabilito.

La storia della balestra
Già intorno all’anno 1000 a.C. alcune popolazioni mongole utilizzavano in battaglia armi molto simili a quelle che potremmo definire balestre portatili. E’ quasi certo, comunque, che la balestra arrivò nel bacino del mediterraneo dai territori asiatici confinanti. Nell’antico Testamento si fa esplicito riferimento all’uso di macchine da guerra atte a scagliare dardi e pietre dall’alto delle mura di Gerusalemme (800 a.C.).

SCOPRI IL PROGRAMMA 2017

Pin It on Pinterest

Shares
Share This